Tratto dall’album del 1983 “An Innocent Man”, il singolo divenne una vera e propria hit.

La leggenda narra che ad ispirare il brano fu la seconda moglie di Billy Joel, Christie Brinkley, supermodella statunitense negli anni settanta e ottanta. In realtà le cose stanno diversamente.

In molti pensarono che il brano fosse dedicato ad Elle Macpherson, altra supermodella, soprannominata The Body per la sua avvenenza.
La canzone, come rivelerà lo stesso Joel in un’intervista del 2010, è dedicata a più donne.
L’ispirazione, quella vera, arriva dopo una serata passata in un locale dove Joel era in compagnia di Christie Brinkley, Elle Macpherson e una sconosciuta Whitney Houston (che, per la cronaca, quella stessa sera accompagnò  al pianoforte). Stupito per le attenzioni di queste tre donne, arrivò l’idea per la canzone.
Joel cominciò a frequentare Macpherson (vero interesse amoroso di Billy) che partì di lì a poco per l’Europa e sposò poco dopo la Brinkley che compare anche nel video.

Sembra ci sia una quarta donna (secondo la Brinkley) che amava fare telefonate ai musicisti celebri sussurando parole sexy. Ma Joel su questo non si è mai sbilanciato.