Operazione ‘Terravecchia’, 7 gli arresti dei Carabinieri

Operazione ‘Terravecchia’, 7 gli arresti dei Carabinieri

Intensa attività di spaccio, tanti giovanissimi gli assuntori.

I militari della Compagnia Carabinieri di San Severo, collaborati in fase esecutiva dall’intervento dello Squadrone Eliportato Cacciatori Puglia, dal 6° Elinucleo di Bari  e dal Nucleo Cinofili di Modugno, a partire delle prime ore della nottata, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Foggia, su richiesta della locale Procura della Repubblica, che ha diretto e coordinato complesse indagini nei confronti di 7 soggetti, tutti ritenuti responsabili di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.  Il tutto ha avuto origine nell’ottobre del 2017, a seguito di una rapina perpetrata ai danni di un furgone porta tabacchi, avvenuta in località Monte D’Elio di San Nicandro Garganico (FG), le cui indagini, nel successivo mese di febbraio, svelavano l’esistenza un gruppo di pregiudicati dediti ai furti di autovetture nel Nord della Puglia nonché fuori regione, sino ad arrivare in Emilia Romagna, rilevando in particolare il ruolo centrale di un noto pregiudicato di San Severo, operante anche su San Nicandro Garganico.  Attraverso i vari sviluppi investigativi realizzati, si ricostruiva progressivamente l’intero ampio gruppo criminale, il cui referente veniva individuato in T. L., classe 1991, appartenente alla nota famiglia “Tarantino” di San Nicandro Garganico, coadiuvato nell’attività illecita dalla compagna, O. C., classe 1995. L’attività tecnica ed i servizi di osservazione e pedinamento posti in essere dagli investigatori dell’Arma cristallizzavano centinaia di episodi di cessioni di sostanze stupefacenti di vario tipo da parte degli indagati. Molteplici difatti i sequestri di droga effettuati complessivamente a carico degli indagati e soprattutto di dosi già cedute ai loro clienti finali: 10 kg circa di marijuana, 200 gr circa di cocaina, 300 gr circa di hashish ed un contenitore con circa un migliaio di semi di marijuana. Le articolate indagini svolte dai Carabinieri hanno richiesto particolare attenzione e cautela in ragione del particolare tessuto urbano del Comune di San Nicandro Garganico, considerato una vera e propria roccaforte del gruppo criminale sgominato, anche per il timore indirettamente generato dalla famiglia “Tarantino”, nonché per la estrema omertà di una parte della cittadinanza.  Il difficile contesto operativo nel quale i Carabinieri hanno portato avanti l’attività di indagine in menzione ha richiesto precise e selezionate strategie investigative. Fattori di criticità come il dedalo di vie del centro storico, la realtà territoriale fortemente criminale, la scaltrezza dei giovani assoldati per lo spaccio dal “rampollo” della famiglia “Tarantino”, non hanno comunque fermato i militari che, sotto il coordinamento  dell’A.G. foggiana, sono riusciti infatti a raccogliere importanti elementi di accusa e così a disarticolare il gruppo criminale attinto dalla misura cautelare.  

Fonte: https://www.sannicandro.org/notizie/cronaca/6620-operazione-terravecchia-7-gli-arresti-dei-carabinieri
Copyright © www.sannicandro.org

pk86

pk86