Si è aperto a Riccione il G20 delle spiagge, il summit che riunisce i rappresentanti dei comuni balneari appartenenti al network G20, con almeno un milione di presenze turistiche annuali. Un’occasione per i primi cittadini di confrontarsi sullo sviluppo strategico delle spiagge più visitate del nostro paese. 

“Una grande occasione di confronto su temi che coinvolgono il nostro territorio – ha affermato il sindaco di Vieste, Giuseppe Nobiletti – L’interscambio culturale con realtà turistiche storicamente avanzate ci da l’occasione per costruire progetti di collaborazione e solide basi per lo sviluppo delle località balneari più famose d’Italia. E Vieste c’è”. Due giornate di lavoro per tracciare delle progettualità che abbiano come focus la Transizione Ecologica, l’Innovazione, la Sicurezza e l’Economia. Il sindaco Giuseppe Nobiletti  ha poi commentato la questione relativa alle concessioni demaniali. “Sul tema del demanio aspettiamo una norma chiara da parte del Governo che possa dare risposta ai nostri operatori e che possa dare ancora voglia di investire e di continuare a rendere le nostre coste accessibili e fruibili. Un tema, quindi, importantissimo.

Le micro imprese balneari sono un patrimonio culturale che non può essere ignorato, e rappresenta una peculiarità tutta italiana, una realtà identitaria e unica che va valorizzata e rispettata. L’imprenditoria balneare deve essere incoraggiata e sostenuta nella ricerca di certezze che possano essere al servizio della collettività”