CALCIO.

Superlativo il Vieste di Sollitto, decisamente da rivedere il Manfredonia di Ricucci. Finisce 3-1 per i padroni di casa la gara di andata della Coppa di Eccellenza.

VIESTE – MANFREDONIA 3 – 1

VIESTE: Leuci, Lucatelli, Gramazio, Ricucci, Sicuro, Caruso, Albano, Rinaldi, Cianci, Colella, Tusiani. A disp.: Wajnztejn, Conticchio, D’Accia, Sementino, Tantimonaco, Scirpoli, Olivieri, Di Mauro, Iannangi. All. Sollitto

MANFREDONIA: Sarri, Manna, Armiento, Partipilio, Colangione, Sementino, Trotta, Cicerelli, Eletto, salvemini, Monopoli. A disp.: Mascolo, Persichella, Roberto, Ingredda, Stoppiello, Mastrogiacomo, prota, De Battista, De Nittis. All. Ricucci

RETI: 31′ Cianci (rig.), 47′ Tusiani, 55′ Cianci, 76′ Salvemini.

VIESTE – Superlativo il Vieste di Sollitto, decisamente da rivedere il Manfredonia di Ricucci. Finisce 3-1 per i padroni di casa la gara di andata della Coppa di Eccellenza. Gli uomini di Sollitto passano al 30′ su calcio di rigore, con Cianci che trasforma con freddezza un calcio di rigore. Nell’occasione espulso Colangione (fallo da ultimo uomo) e sipontini in 10. La squadra di mister Sollitto approfitta anche dell’infortunio di Sementino e si ritrova ad adattare centralmente Cicerelli e Partipilo, vista anche la defezione di Ciuffreda (squalificato). L’ Atletico raddoppia sul finire di tempo, al 47′, con Tusiano. Azione pregevole dei padroni di casa, con il puntero, che si libera di 2 avversari e trafigge Sarri. Inevitabilmente, la gara diventa ancor più complicata per gli ospiti che, in inferiorità numerica, subiscono anche la terza rete. È il 55′, quando ancora Cianci ben assistito da Gramazio, realizza la sua personale doppietta. Il match scivola via con i ragazzi di mister Sollitto in pieno controllo e con il Manfredonia calcio 1932 che fa quel che può. È proprio grazie ad uno dei suoi ragazzi più talentuosi, al 76′, ad accorciare le distanze, con Nico Salvemini abile ad infilare la porta dell’ex Leuci.

Antonio Villani

Di Antonio Villani

Giornalista Sportivo